Atrapalo alla BTO 2009

Nel pomeriggio della BTO l'interessante case history di Atrapalo: con le sue campagne marketing.
- 2006 la gran atrapada
- 2007 il primo concorso di tv che non succede in tv. Atrapalo.
- 2008 Los atrapantes.
Sul sito ci sono 600.000 recensioni.
Per lasciare una recensione ci devi esser stato!
Se lo vedi atrapalo (se vedi un'offerta acchiappala al volo, non fartela scappare!)
Come si sono fatti conoscere? campagna viral: ragazzi che saltellano e scappano per la città.
Messaggi utenti più fedeli: attraverso blog, nl, facebook. A una certa ora in un certo posto ci sono persone che corrono, se li acchiappi, vinci il viaggio. Fino a 1000 persone che correvano!!!
Cosa si vinceva?
Un viaggio alle Maldive per 6 centesimi, un viaggio in Argentina per 8 centesimi!!

EL TRATO: il patto. Viaggia e dopo decidi se e quanto pagare. Nato in un momento di crisi (fine 2008). Questa campagna era un modo per stimolare le vacanze.
Obiettivi:
- fare 1 studio di investigazione sociologica per capire il prezzo percepito
- riattivare la domanda
- dare maggior visibilità ai prodotti turistici
Lista dei patti che sono stati portati a termine: previsti 300, sono stati quasi 500. Molti partners si sono aggiunti in corsa (all'inizio non ci credevano). Allungamento di 2 giorni!
Oltre 42.000 utenti registrati. 500 commenti, quasi 1.500.000 visite, Patti quasi 500. Come comunicazione: solo cartaceo free press. Questo patto è iniziato in giugno/luglio 2009.
I clienti hanno pagato?
No, per lo più hanno non pagato oppure 5 o 10 euro. Motivazione: "non abbiamo soldi!"
Ci sono state anche persone oneste: una ha pagato +70% del prezzo del viaggio. Gli hanno regalato un viaggio in Giappone (viaggio dei sogni).
Altro patto: nel 2009, 1500 fra spettacoli, ristoranti e attività varie.

Comments

Nelli said…
Un'aggiunta:

Molte persone hanno difficoltà a dare il giusto valore alle cose. Non riescono a dire quanto vale un hotel a 5 stelle.

Popular posts from this blog

Avviare un progetto di commercio elettronico

Brand reputation e email marketing al RWME

Il potere dei social network nel business locale: altro che pagine gialle!