Google, Yahoo e Bing sul palco della BTO

Se durante la mattina la sala era mezza vuota, ecco che per miracolo alle 15, si riempe. Motivo? Salgono sul palco i 3 players del search online: Google, Yahoo e Bing.
Riporto il comunicato ufficiale della BTO:
LE RICERCHE SU INTERNET SONO SEMPRE PIU’ RAFFINATE: LA MAGGIORANZA SUPERA LE 3 KEYWORD

Ricerche sempre più complesse spingono i motori di ricerca a sviluppare nuove tecnologie in grado di interpretare il linguaggio degli utenti e di proporre strumenti di ricerca intuitivi.

Il numero delle parole chiave ricercato dagli utenti è molto cresciuto negli ultimi anni” esordisce Roberto Brenner di Google, uno dei 3 colossi dell’internet search a confronto sul palco di Buy Tourism Online “mediamente adesso ci sono almeno 3 keyword per ciascuna ricerca, specie nell’ambito turistico. La sfida è sulla rilevanza e sulla velocità di risposta.”

Ciò spinge i motori di ricerca a sviluppare tecnologie e strumenti sempre più in grado di capire che cosa cercano realmente gli utenti. “Per Yahoo è basilare la semplicità, la trasparenza e la personalizzazione della ricerca” spiega Lorenzo Montagna di Yahoo! “L’utente deve trovare tutti i risultati rilevanti, anche quelli che fanno riferimento alla concorrenza, e poterli salvare e organizzare in apposite sezioni del sito, per una consultazione successiva.”

Per Kristine Marshall, responsabile di Bing Travel, giunta direttamente da Seattle alla manifestazione fiorentina, la chiave è l’innovazione: “Su Bing Travel chi cerca una tariffa aerea può utilizzare la tecnologia Price Predictor, ereditata da Farecast.com, in grado di predire con un grado significativo di attendibilità l’andamento delle tariffe e suggerire quando è più conveniente acquistarle”

Il futuro dell’internet search non può prescindere dalle applicazioni per il mobile e rispondere a stili di vita dinamici, che richiedono risposte rapide e puntuali. Ecco quindi le search a riconoscimento vocale di Google, che evitano agli utenti l’uso della tastiera, o le geolocalizzazioni di Yahoo Mobile, che tengono conto di dove si trova l’utente in quel momento e contestualizzano le ricerche effettuate. O ancora, la Visual Search di Bing, che promette di migliorare del 28% la velocità di ricerca grazie all’intuitività della ricerca per immagini rispetto alla verbalizzazione dei concetti.

Comments

Popular posts from this blog

Il mio intervento allo Smau

Il potere dei social network nel business locale: altro che pagine gialle!