Rientrata dal Rimini Web Marketing Event

Sono tornata dalla 2 giorni di web marketing turistico a Rimini.
Un evento semi nascosto, nei meandri della gigantesca Fiera dedicata all'Accoglienza (SIA). A parte la maleducazione e disorganizzazione dello staff all'ingresso, trovo sia stato un evento organizzato molto bene.

Gli interventi nel complesso sono stati interessanti: alcuni di più, altri di meno. Mi ha fatto sorridere Banchelli col suo stile livornese, sempre molto preparato e acuto. Sono contenta di aver finalmente dato un volto ad Alessandro Binello (lo immaginavo molto più vecchio!), professionista dell'email marketing e di aver ascoltato altri validi professionisti come Fabio Sutto (sull'online reputation management) e Salvatore Cariello (ottima la sua panoramica sui vari strumenti di web marketing). Mi hanno fatto sorridere i video di Zooppa (prometto che terrò maggiormente d'occhio le campagne). E ho divorato le parole di Piersante sull'evoluzione dei motori di ricerca, e sul case history riportato (geniale nella sua semplicità).
Ho trovato invece scandaloso l'intervento dell'art director dell'Aquafan che leggeva (si proprio leggeva su carta) uno speech dai contenuti piuttosto poveri e discutibili ("Internet non esiste!") mostrando video banali e per niente in tema con la giornata.
Non male anche gli altri relatori che hanno parlato di buzz/social/blog marketing.
La sala era piena. Soprattutto di albergatori che curiosi, intimiditi, perplessi, attenti hanno posto domande.

Voglio infine fare i complimenti a chi ha organizzato la cena del sabato sera: (Marco Ziero?) un'occasione per rivedere vecchi amici (Cibino, Riga75, Luca Bove, Fabri, Marco Chiesa...) e incontrarne di nuovi.
Ho anche fatto la piacevole scoperta di 3 donne seo!
Complimenti anche per il ristorante scelto... che mangiata!!

Comments

Francesco said…
Complimenti per la review. Mi sorprende però che tu definisca "scandaloso" l'intervento di Pier (art director dell'Aquafan). Sarò che lo conosco personalmente, e che per noi riminesi l'Aquafan è veramente un indiscusso caso di successo, ma a me pare che l'intervento sia stato interessante.
Francesco
Nelli said…
ciao Francesco :)
l'Aquafan è sicuramente un caso di successo e infatti mi sono sorpresa pure io per la presentazione.

l'ho definito scandaloso per 2 motivi:
Uno è l'autopromozione. nessuno degli altri relatori, e avrebbero potuto, si è messo a dire "se mi date 690 euro vi faccio il video e vi metto sul mio sito"

Secondo non ha spiegato il valore aggiunto di quei video mostrati (belli o brutti che fossero).
il concetto che ha trasmesso è stato fuorviante: fate un video e avrete successo.
invece per fare viral marketing con successo ci sono delle competenze specifiche e delle problematiche che non ha affrontato.

non mi ha spiegato perchè io albergatore dovrei pagare per essere sul suo portale di video anzichè su youtube.
non ha parlato di video prodotti dagli utenti, il vero motore del web di oggi, proponendo come alternativa video realizzati da una tv..
non mi ha detto perchè "internet non esiste".
mi ha detto che le presentazioni powerpoint hanno rotto le palle e poi ha letto una presentazione cartacea.

insomma non ha spiegato come si fa video marketing con internet.

se bastasse riprendere 2 ragazze che scendono dallo scivolo per avere successo...

:-)
Più vecchio? Guarda che ti ho sentita sai? E comunque fidati, dimostro meno anni di quelli che ho realmente (basta dire che i trenta sono ormai un ricordo lontanissimo).

Detto questo direi che l'intervento di Pierucci è stato quello più commercile perchè in effetti era l'unico non tecnico tra i relatori.

Per il resto tutto bene direi, mi sembra che i commenti in giro siano tutti molto buoni e anche le sensazioni dei colleghi relatori sono state tutte positive.

Un buon debutto insomma, speriamo si possa bissare.
Nelli said…
eh eh
comunque vero, globalmente tutti commenti positivi.

davvero un ottimo evento.

ciao :)

Popular posts from this blog

Il potere dei social network nel business locale: altro che pagine gialle!

Il mio intervento allo Smau