Tornata dallo IAB

Non potevo mancare dallo IAB Forum 2008, oltre a essere l'evento seo/adv online più interessante in Italia è l'unica occasione per rivedere un po' di amici., colleghi, persone che lavorano nel web. Buffo.. come arrivo mi sento a casa!
Come speech ho seguito con interesse i case history delle aziende (fantastico quello di Giovanni Perosino di Fiat sul caso AlfaRomeo Mito) in una sala a dir poco gremita. E nel pomeriggio gli interventi del search marketing. Li per lì come ho spiegato su Onemarketing sono rimasta un po' stupita per il livello un po' sottotono e per certi concetti riproposti ancora identici a distanza di anni.
Ma poi ho capito.
Come detto da Nereo: c'è bisogno di fare un passo indietro. Peccato per gli appassionati e le persone del settore, ma capisco che... se persino il moderatore della tavola rotonda non capiva niente di seo e search.. non possiamo certo aspettarci molto di più dalle aziende.
I grandi stanno sperimentando (con orgoglio ma anche un po' a culo), le altre aziende sono curiose e seguono timidamente. Ma ancora oggi ti chiedono "come si fa a essere primi su google per una parola chiave". Sob.
E intanto gli utenti leggono, scrivono, commentano, decidono, INFLUENZANO.
Ed Expedia decide nel 2008 di spostare la metà dei suoi investimenti sull'offline.

Un piccolo personale complimento e incoraggiamento a Tommaso Galli: il suo intervento sulla social media interference era molto interessante, meriterebbe uno spazio di discussione fra gente che se ne intende.

Comments

Popular posts from this blog

Brand reputation e email marketing al RWME

Avviare un progetto di commercio elettronico

Il potere dei social network nel business locale: altro che pagine gialle!