Meglio ridere che piangere

In molti mi hanno segnalato l'ultimo decreto che vorrebbe penalizzare i blog
http://punto-informatico.it/2468674/PI/News/camera-manda-avanti-ddl-anti-blog.aspx
non aggiungo niente.. spero solo non si arrivi a tanto per bloccare le uniche forme di libertà espressiva nella comunicazione di oggi.

ah.. proprio oggi ho ricevuto una mail di un'azienda che mi ha minacciato per vie legali per una presunta diffamazione e chiedeva addirittura pubbliche scuse. Tempi duri per la libertà d'espressione.

invece per ridere un po' ecco un video geniale.
http://it.youtube.com/watch?v=Rm9SkbhPfE4

Comments

Icelord said…
Non mi ci sono mai addentrato nella disciplina, ma quali possono essere i "rischi" per un blogger e gli eventuali limiti nell'esprimere un parere su un blog?

Sarebbe interessante capirlo, magari farci un articolo, di questi tempi scalerebbe le SERP mi sa :P
Nelli said…
io mi ero informata con mia zia, avvocato, e lei mi aveva detto che per la legge italiana tu (blogger) sei querelabile per qualsiasi cosa che possa essere sentita come diffamatoria.

esempio: io dico questo ristorante fa schifo sono querelabile, io devo dire a me non è piaciuto.
regolo said…
La cosa più strana è che sia questa volta che tre anni fa quando per la prima volta si parlo di un decreto "censura-blog", se ne è parlato davvero poco.
Però rispetto ad anni fa differenze ce ne sono: in pratica le limitazioni (ossia applicazione dei reati a mezzo stampa anche alle pubblicazioni online) verranno applicate solo a pagine con regolari introiti pubblicitari; limite discutibile, soprattutto senza distinzioni tra chi si prende 50 euro l'anno da googleAdsense e chi ci guadagna un vero stipendio, ma non sono sicuro che l'idea vada bocciata a priori.
pillolandia said…
Ciao a tutti, anche io non comprendo questo bisogno dei legislatori di voler disciplinare il settore dei blog. Dopo essermi letto il Minottino questa estate (fantastico e-manuale GRATUITO che consiglio a tutti) ho capito che chiunque usi un blog è già sottoposto a dei limiti legali ed ogni qual volta che viene espressa un opinione ritenuta diffamatoria (il limite dell'onore e della reputazione) commettiamo un reato già contemplato nel codice penale.

Perché far rientrare i blogger nella Disciplina Speciale (perchè pensata appositamente per gli operatori dell'informazione, ovvero le imprese editoriali) dei reati a mezzo stampa??

Sottoporre i blog che hanno un introito, per esempio con adsense, ad una testata giornalistica e sottoporli alle stesse responsabilità mi sembra una esagerazione piuttosto evidente!

Popular posts from this blog

Il potere dei social network nel business locale: altro che pagine gialle!

Avviare un progetto di commercio elettronico