Nuove frontiere del marketing

Gli investimenti pubblicitari in Italia sono in (piccola) crescita: nel 2006 un totale di 9,5 miliardi di euro.
Il 50% è raccolto dalla tv. Crescono Paytv (con oltre 7 milioni di abbonati alle satellitari) e il digitale terrestre (1,5 milioni di utenti). I quotidiani rappresentano il 18,9% e i perodici il 13,4%. Dopo la stampa, arriva la radio (6,4%) e internet (3,6%).

E in futuro che tipo di marketing andrà?
Direct marketing, public relation, ricerche di mercato, sponsorship..

Ultimamente leggo sempre più spesso quanto peso prenderanno nella promozione e nel marketing attività come le pubbliche relazioni, la creazione di eventi, il posizionamento di maketing di personaggi famosi (vip), sponsorizzazioni nei film.. a discapito di attività più tradizionali come la pubblicità vera e propria.

Prenderà sempre più piede il marketing strategico relazionale che si basa sugli eventi per promuovere un’azienda, un prodotto.. puntando a un coinvolgimento maggiore del consumatore, a un advertising emozionale.

Basta pensare a una città come Torino che ha deciso di investire pesantemente in comunicazione e marketing, non soltanto con campagne pubblicitarie consistenti. Ma soprattutto puntando sugli eventi.
Dopo le olimpiadi invernali del 2006 e le Universiadi, nel 2008 Torino diventerà capitale del design grazie al congresso Mondiale degli Architetti. Oltre alle celebrazioni dei 150 anni dell’Unità d’Italia.

Un altro esempio di strumenti "alternativi" di pubblicità il recente caso di product placement nel film NOTTE PRIMA DEGLI ESAMI 2, nel quale Telecom (Alice e Tim), Lancia (New Ypsilon, Thesis), Nestlè (Buitoni e Motta), Prcoter e Gamble (Pringles e Swiffer) hanno posizionato prodotti destinati a un target di riferimento di 15-19enni all'interno del film.

Comments

Popular posts from this blog

Avviare un progetto di commercio elettronico

Brand reputation e email marketing al RWME