Il nuovo portale Italia.it

E' impossibile non parlarne. Presentato alla Bit nei giorni scorsi, ha già scatenato le reazioni della blogosfera e dei forum.
Il primo post che ho letto a riguardo è quello di Enrico La Dogana (noto anche come Catone, autore del blog ranked.it) su Marketing Routes. ottimo e molto chiaro.
ma il malcontento è diffuso..
Sul forum Gt diverse discussioni sono partite. Segnalo quella in web marketing che fra insulti e commenti poco costruttivi, nasconde anche ottimi interventi e analisi (mi è piaciuto quello di Homeworker ma non male anche quello di Xeniun).
su apogeonline c'è una raccolta di persone/bloggers che ne hanno parlato, anche su html.it ne stanno parlando.
e non poteva mancare un bel googlebombing: guardate con quale "parola comune" compare italia.it. sempre su Mr c'è un bel sondaggio..

e io che ne penso?
finora ho letto interventi che evidenziavano i difetti tecnici, strutturali, gli errori di codice, di usabilità e accessibilità, oltre che gli errori dal punto di vista seo.
dal punto di vista della comunicazione ho letto poco. qualcosa sì, ma ancora poco.
forse perchè i difetti del codice saltano subito all'occhio, mentre gli errori di comunicazione sono più sofisticati da individuare.
Ho trovato poco anche sui contenuti, seppure sia più facile parlarne.

E dire che anche sulle mancanze a livello di contenuti ci sarebbe così tanto da dire!
quello che ho colto in linea di massima, è una certa confusione nella navigazione ed esposizione dei contenuti. Si capisce che forse hanno accesso a una bella quantità di contenuti, ma sono organizzati male. I menù confondono le idee. Si tende a perdersi.
- Le voci di menù sono simili con gli stessi contenuti presentati in ordine inverso (cosa fare, visita l'Italia, itinerari...)
- Le strutture ricettive sono tante ma poco ricercabili (penso alla Toscana con le sue oltre 4000 strutture ricettive, mal suddivise e peggio ancora non cercabili con criteri raffinati, ma solo per nome e in ordine alfabetico!).
- A molte pagine (a molti musei per esempio) mancano link d'uscita (ci sono solo quelli di apt, comuni, fonti istituzionali).
- Mancano molte cose in molte categorie (le terme in Toscana solo 8???).
- Gli eventi sono per lo più quelli riportati dalle apt locali.
- Mancano i ristoranti, le trattorie, le pizzerie.. la vera ricchezza che l'Italia offre al turista.
- La scelta di cosa dire della Provincia o del Comune è molto criticabile...

e dal punto di vista della comunicazione?
anche lì a grandi linee - perchè molto ci sarebbe da dire - c'è confusione, poca chiarezza e soprattutto mancanza di originalità. non c'è stata la voglia di individuare messaggi diversi per target diversi. penso banalmente alle vacanze per famiglie, per single, per amici.. nel portale prevale la navigazione per mete.. o ancora peggio casuale.
Negli itinerari c'è un timido tentativo di targettizzazione per interessi ma sono pochi e banali: naturalistici, artistici, enogastronomici, religiosi.. manca lo sport per esempio, manca lo shopping (quante persone anche dall'estero, penso ai giapponesi, vanno nel Valdarno solo per gli outlet?), manca il wellness..

parlando della home page
nel sito ho visto delle belle foto.. perchè non scegliere per la home una bella rotazione di quelle immagini? anzichè un'Italia digitale piuttosto fredda?

sul logo non dico nulla. tranne che è abbastanza anonimo ed inespressivo..lo stesso il claim. piuttosto banale. potevano forse cercare nuove definizioni per l'Italia.

ma come altri .. comincio ad essere esausta. quindi chiudo questo gran portale e mi dedico ad altri (bei) siti.

Comments

Popular posts from this blog

Il potere dei social network nel business locale: altro che pagine gialle!

Avviare un progetto di commercio elettronico