October 28, 2007

Il mio primo barcamp: Second Life Barcamp a Firenze

Sabato sono andata al Festival della creatività a curiosare e visto che c'ero (e mi ero anche registrata) ho partecipato al SecondLife BarCamp. Prima nota di demerito: poco visibile, difficile da trovare.
Sono andata poco dopo le 14.30 allo stand ufficiale, ho atteso che qualcuno mi considerasse, dopo un po' che non succedeva nulla ho chiesto e mi hanno detto che il barcamp era da un'altra parte, alla Palazzina Lorenese. La giro tutta e dopo stand dedicati alla Danimarca, mostre d'arte con quadri aventi la faccia di Paperino (giuro) e ristoranti di frittura mista, trovo finalmente la stanzina dedicata all'evento. Mi scoraggio un po' a vedere che sono appena 20-30 persone, ma poi mi dico "è la qualità che conta, non la quantità".
Mi siedo mentre c'è il primo intervento, di Fabrizio Pivari (credo), che espone le strategie e i progetti di SL marketing, rilevando la difficoltà - oggi - di poter fare attività strategiche per vari problemi:
- la scarsa visibilità sui motori di ricerca degli eventi e dei gruppi
- la difficoltà di creare community su Second Life.
- la mancanza di tool professionali per fare report (ovvero per sapere chi è venuto, da dove, quando..)
L'intervento è proseguito con un invito a trasportare eventi e iniziative da second life al real life e viceversa (ad esempio le mostre dentro e fuori dal web), a creare progetti interconnessi fra SL, RL e Internet (buffa questa visione di second life fuori da internet!!!), ad allocare risorse a questi progetti (le isole sono vuote, la densità di popolazione è ai livelli della Mongolia!!!).
Sottolineando che è finita l'era del "siamo i primi ad aprire un'isola", è necessario progettare strategie per SL che siano più strutturate e non fini a sè stesse (ho aperto l'isola e stop).
Ha concluso con altri limiti e difetti di Second Life:
- Second life è troppo complessa per il visitatore
- SL è troppo complessa per chi ci apre un'azienda
- le Sim non danno servizi a valore aggiunto
- mancano le statistiche
- limiti tecnici (eventi supportano al massimo 70 persone connesse??)
- necessità di strumenti più facili da usare (tipo blog)

L'intervento successivo, molto focalizzato sui numeri, nonostante l'atteggiamento ottimista, ha rivelato quanto ancora il mercato di SL sia acerbo..
Se è vero che siamo a circa 10 milioni di utenti Second Life, solo il 20% di questi è attivo.
Del totale circa il 61% è europeo (il 26% USA, il 13% Asia). Degli europei circa il 5% sono italiani, che tradotto in numeri significa che in Italia ci sono poco più di 28.000 avatar attivi.
Per un'azienda italiana che vuole usare SL come strumento di marketing è un numero piuttosto ridicolo (il mio blog personale ne fa di più!). Certo se lo si usa come specchietto per le allodole per i media va più che bene (è stato citato il caso di Costa Crociere che con il semplice annuncio del varo della prima nave su SL ha fatto un clamore pazzesco), ma nella visione detta prima, l'investimento potrebbe essere eccessivo per i risultati portati.
Anche perchè è brutto arrivare su un'isola e trovarla vuota..

Non voglio allungare troppo questo post. Diciamo che i presenti (tutti utenti SL) erano molto ottimisti e convinti della bontà dello strumento, io un po' meno. e anche i relatori mi parevano tutto sommato prudenti. Dal punto di vista del camp, non so come fossero gli altri.. ma questo era piuttosto di base. Faro' solo un esempio. Un intervento è cominciato con un'introduzione sulla storia dei motori di ricerca: la rivoluzione di Google grazie al pagerank...

5 comments:

Fabrizio Pivari said...

Finalmente un po' di critiche sempre bene accette!
Il prossimo SLcamp attendo anche un tuo intervento od un animata discussione in loco!
;)

Nelli said...

grazie del commento, temevo che te ne potessi avere a male. in realtà sia tu che gli altri relatori avete fatto un ottimo lavoro. la mia "critica" era più che altro per l'organizzazione (lo streaming che non partiva, la scarsa segnaletica..) .

poi non so dirti se il taglio era quello giusto o no (era il mio primo barcamp).
la tua presentazione mi è piaciuta, ma mi domando le persone presenti chi fossero.. utenti di SL? aziende? curiosi?
chissà cosa si aspettavano venendo li..

Fabrizio Pivari said...

I presenti erano soprattutto tecnici SL. E' ovvio che il loro punto di vista sia di chi 'vive' dentro.

Anonymous said...

Ciao Fabrizio.

Anche io ero presente (ero quello che cercava di restituirti il foglio dei presenti :) ).

Anche io son rimasto un po' "deluso" non tanto dall'evento ma quanto dalla *partecipazione* e dalla *locazione*.

Ho praticamente fatto 400 km per starci e la mia delusione è dovuta principalmente a:
1) difficoltà estrema per raggiungere la sede. Le indicazioni non c'erano o erano scritte su fogli A4. So che la maggior parte della colpa è forse dell'organizzazione però ho perso metà della tua discussione per questo.
2) poca presenza del pubblico e degli addetti ai lavori. La butto lì: probabilmente molti non son venuti perché non vi hanno trovati?
3) alcune forme di esposizione un po' troppo *caratteristiche*. Non potete lamentarvi del fatto che il metamondo venga poco considerato se chi ne parla lo fa vestito da avatar o non capisco chi sia se non il suo nick. E' normale poi che si pensi che SL sia poco più di un *passatempo* purtroppo.
4) il livello era un pochino troppo base (anche se forse penso sia una scelta... )

Ci son altre cose che mi son piaciute: il tuo intervento e la chiarezza di esposizione. L'onestà di non esaltare artificiosamente qualunque aspetto di SL ad eempio.

Il prossimo SLcamp ci sarò sperando che non ci siano i problemi logistici e che il livello di discussione sia un pochino più *elevato*. Avrei voluto vedere casi pratici, analisi di costi-spese e ROI, presenza di aziende che hanno fatto business con SL o altri metamondi.

Sia chiaro: son contento di esserci stato e voi siete stati encomiabili a presentare la manifestazione. Non vorrei tu pensi che voglia solo criticare e basta. :)

Massy

Fabrizio Pivari said...

Inizialmente pensavo di chiamarlo SLcamp versione 0.0. Una specie di beta. Inizialmente volevo farlo a Rovigo e penso di essere stato fortunato di poterlo trasferire a Firenze almeno per la location centrale e per la vicinanza alla stazione.
Inizialmente pensavo di farlo casereccio.
In ogni caso io fino all'ultimo second non sapevo niente delle sale se non che erano da 40 posti e due. Sapevo che ci sarebbe stato wifi e proiettore e forse diretta SL. Non conoscevo nessuno di quelli che sono intervenuti ne sulla qualità a o meno dei loro interventi. Ma questo è un BarCamp.
Anche a me interesserebbe un incontro solo con le aziende e potrei organizzarlo visto che ho contatti un po' con tutte. Ma quante aziende italiane hanno veramente qualcosa di importante da dire come progetti a medio lungo termine se si esclude Gabetti e pochi altri?