Perchè tutto questo flash?

Ok anche se non vi interessa comparire su Google, anche se siete un'azienda che vive di immagine, anche se spendete miliardi per far conoscere l'url del vostro sito, ok tutto... ma perchè ancora fare siti come questo: http://www.immobiliarelapoggerina.com/?
Posso capire se ti occupi di moda e magari ti chiami Gucci o Armani. Poco ti importa se il navigatore ti abbandona dopo pochi secondi, tanto poi apre un giornale qualsiasi e trova la tua borsa in bella mostra. O va in una delle grandi città e trova la tua boutique super lusso in pieno centro.
Ma se il tuo scopo è ricevere contatti da potenziali clienti o dare informazioni (sui tuoi prodotti, ma anche banalmente su dove ti trovi, su un numero di telefono o altro) fare un sito lento e pieno di animazioni è come fare harakiri.
Nessuno resisterà.
E' un dato di fatto: Google odia il flash, gli utenti comuni odiano il flash. Solo i web designer amano un così forte utilizzo di questa tecnologia.
Non sono contraria all'uso del flash nei siti: in certi menù, o in parti del sito, ci sta divinamente. Nelle photogallery può creare effetti interessanti.
Ma fare una intro che si carica in non so quanti secondi e fare pagine fluttanti non è il modo migliore per far restare gli utenti sul tuo sito. Senza contare che si va contro a tutti i principi di usabilità, accessibilità ecc. ecc.

Che peccato perchè nel caso specifico fanno davvero degli ottimi lavori (se avete la fortuna e la pazienza di arrivare a vedere le foto)

Comments

hai proprio ragione. spesso si pensa così poco a chi usufruisce il sito!

ciao
andrea
Andrea Vit said…
Mi trovo davvero molto d'accordo con te...
Piano piano le cose stanno cambiando...O almeno spero! :-)
Anonymous said…
se tu imparassi a scrivere "di flash" e non "del flash" ti risponderei volentieri
Nelli said…
per anonimo: FIRMATI e poi apro volentieri una discussione intelligente sulla tecnologia in questione.
se invece vogliamo fare sterile polemica linguistica allora lascia perdere :)

Popular posts from this blog

Il potere dei social network nel business locale: altro che pagine gialle!

Il mio intervento allo Smau