Sono una blogger: è prostituzione virtuale?

Bruno Vespa e la sessuologa Alessandra Graziottin attaccano i bloggers e la blogosfera si infuria. Beh in effetti bisogna essere un po' fuori dal mondo per domandarsi:

Bruno Vespa: Ma è abbastanza normale che a quell’età si abbia un sito dove scaricare le proprie confessioni, voglie, desideri?

e la sessuologa che incalza:

Tutto ciò crea la proliferazione di tutti questi siti di prostituzione virtuale, che inizia virtuale e poi può andare oltre che possono essere anche autogestiti nel blog personale. Questo evento, poco percepito dai genitori, ha una prima fase di iniziazione nell’accesso che i ragazzi hanno da casa a vari siti non protetti dai genitori e successivamente come sono un po’ più svegli o istruiti si fanno il blog personale.

vuol dire che non hanno mai visto i corporate blog, i blog di politica, quelli a favore della Birmania, quelli sociali, ecc. ecc.
Forse dovrebbero dare un occhio ai siti dei candidati americani, che hanno ben capito la potenzialità della comunicazione su Internet e soprattutto che il mondo reale è diverso da quello dipinto dagli "old" media. Che disinformazione. Che approssimazione. Che peccato.

Se vi volete "divertire" ecco il video.




Comments

Popular posts from this blog

Avviare un progetto di commercio elettronico

Brand reputation e email marketing al RWME